Ricerca contenuti

Documenti Documenti

  • Normative e Regolamenti
  • Deliberazioni della Giunta Regionale
  • Determinazioni dirigenziali
  • Modulistica
  • Atti pubblici
  • Elenco Regionale dei Medici Certificatori di Medicina dello Sport

APPROFONDIMENTI APPROFONDIMENTI

  • Pubblicazioni
  • Comunicati stampa
  • News
  • Link utili
  • Faq

Censimento Impianti Censimento Impianti

  • Accreditamento Province e Comuni
  • Accreditamento Associazioni

IMPIANTISTICA IMPIANTISTICA

  • Impianti
  • Programmazione
  • Progettazione
  • Gestione
  • Procedure S.I.S. CONI

SPORT E SALUTE SPORT E SALUTE

  • Sport e salute
  • Certificati
  • Sport X Sport
  • Alimentazione
  • Doping
  • Assistenza gare
  • Norme
  • Glossario

Sport e scuola Sport e scuola

  • Sport e Scuola
  • Giochi studenteschi

Sport e Ambiente Sport e Ambiente

  • Sport e Ambiente
  • Iniziative

Fair Play Fair Play

  • Fair Play

Mondo CONI Mondo CONI

  • Il CONI in Puglia
  • CONI Point
  • Federazioni
  • Discipline Associate
  • Enti di Promozione
  • Associazioni Benemerite
Servizio Sport per tutti risponde

fair play fair play

La Carta del Fair Play, varata nel 1975 dal C.I.F.P. (Comitato Internazionale Fair Play), è un decalogo internazionale dei nobili principi a cui dovrebbe ispirarsi chiunque si accosti a qualunque titolo allo Sport, quello con la esse maiuscola.

CARTA DEL FAIR PLAY
'Qualunque sia la mia funzione nello sport, anche quella di spettatore, mi impegno a:

1. Fare di ogni incontro sportivo un momento di privilegio, una specie di festa, qualunque sia l'importanza della posta e la virilità della gara;
2. Conformarmi alle regole e allo spirito dello sport praticato;
3. Rispettare i miei avversari come me stesso;
4. Accettare le decisioni dell'arbitro o dei giudici sportivi, sapendo che, come me, hanno diritto all'errore, ma che fanno di tutto per non commetterne;
5. Evitare la cattiveria e le aggressioni con atti, parole o scritti;
6. Non adoperare espedienti o inganni per ottenere un successo;
7. Restare degno nella vittoria come nella sconfitta;
8. Aiutare ognuno con la mia presenza, la mia esperienza e la mia comprensione;
9. Portare aiuto ad ogni sportivo ferito o in difficoltà tali da mettere in pericolo la propria vita;
10. Comportarmi da vero ambasciatore dello sport, aiutando a far rispettare intorno a me i principi suddetti.

Prendendo questo impegno, mi riconosco come un vero sportivo.'
 

Altro documento di valore etico: la Dichiarazione di Gand firmata nel 2004 dal Panathlon Internazionale.

DICHIARAZIONE DEL PANATHLON
SULL'ETICA NELLO SPORT
GIOVANILE


Questa dichiarazione rappresenta il nostro impegno per superare ogni discussione e stabilire chiare regole di comportamento nella ricerca di valori positivi nello sport giovanile

Dichiariamo che:

Promuoveremo attivamente i valori positivi nello sport giovanile con grande impegno e presentando buoni programmi.

- Nell'allenamento e nelle competizioni punteremo a quattro obiettivi in un modo equilibrato: sviluppo delle competenze di tipo motorio (tecnica e tattica), stile competitivo sicuro e sano, positivo concetto di se stessi, buoni rapporti sociali . In questo saremo guidati dalle necessità dei giovani.

- Crediamo che sforzarsi per eccellere e vincere, sperimentando il successo o il piacere, il fallimento o la frustrazione, siano tutte componenti dello sport competitivo. Daremo ai giovani l'opportunità di coltivare e di integrare tutto ciò (all'interno della struttura, delle regole e dei limiti del gioco) nelle loro performance e li aiuteremo a gestire le loro emozioni.

- Presteremo particolare attenzione alla guida e all'educazione dei giovani, in accordo con quei modelli che valorizzano i principi etici e umani in generale ed il fair play nello sport in particolare.

- Ci assicureremo che i giovani siano coinvolti nelle decisioni che riguardano il loro sport.

Continueremo nel nostro impegno per eliminare nello sport giovanile tutte le forme di discriminazione.

- Questo è coerente con il fondamentale principio etico di uguaglianza, che richiede giustizia sociale ed uguale distribuzione delle risorse. I giovani ritardati, i disabili e quelli con meno predisposizione dovranno avere la stessa possibilità di praticare lo sport e le stesse attenzioni di quelli più sani e forti, con più capacità, senza discriminazione di sesso, razza e cultura.

• Riconosciamo e ci rendiamo conto del fatto che lo sport può anche produrre effetti negativi e che misure curative e preventive sono necessarie per proteggere i giovani.

- Aumenteremo la salute psicologica e fisica dei giovani attraverso i nostri sforzi per prevenire le devianze, il doping, l'abuso e lo sfruttamento, per superarne i possibili effetti negativi.

- Accertato che l'importanza dell'ambiente sociale dei giovani e il clima motivazionale sono ancora sottostimati svilupperemo, adotteremo e attueremo un codice di condotta con responsabilità chiaramente definite per tutti coloro che ruotano intorno allo sport dei giovani: organizzazione governativa, dirigenti, genitori, educatori, allenatori, manager, amministratori, dottori, terapisti, dietologi, psicologi, grandi atleti, i giovani stessi.

- Raccomandiamo fortemente che siano seriamente considerate queste persone, organizzate in appropriati livelli e che governano questo codice di condotta.

- Incoraggiamo la registrazione e l'accreditamento dei sistemi di preparazione per allenatori ed istruttori.

• Gradiamo l'aiuto degli sponsor e dei media ma riteniamo che esso debba essere in accordo con i maggiori obiettivi dello sport giovanile.

- Accogliamo il finanziamento da parte di organizzazioni e società solo quando questo non contrasta con il processo pedagogico, i principi etici e gli obiettivi dello sport giovanile.

- Crediamo che la funzione dei media non deve essere solo re-attiva, ossia riflettere i problemi della nostra società, ma anche pro-attiva, cioè stimolante, educativa e innovativa.

• Formalmente sottoscriviamo "La Carta dei Diritti del Ragazzo nello Sport" adottata dal Panathlon.

Tutti i ragazzi hanno il diritto di:

- praticare sport
- divertirsi e giocare
- vivere in un ambiente salutare
- essere trattati con dignità
- essere allenati ed educati da persone competenti
- ricevere un allenamento adatto alla loro età, ritmo e capacità individuale
- gareggiare con bambini dello stesso livello in una adeguata competizione
- praticare lo sport in condizioni di sicurezza.
- riposarsi.
- avere la possibilità di diventare un campione, oppure di non esserlo.

Tutto questo potrà essere raggiunto quando i governi, le federazioni, le agenzie e le società sportive, nonché le industrie, i media, i manager, gli studiosi dello sport, i dirigenti, gli allenatori, i genitori e i giovani stessi approveranno questa dichiarazione.

Gand, 24 settembre 2004

Il settore del Fair Play è sotto l'egida di organismi nazionali e internazionali.

Eccoli:

European Fair Play Movement Bureau:
House of Sports
N.o.c. Luxembourg (Cosl)
14 Avenue de la Gare L-1610 Luxembourg
Tel. +352 26480744
Fax +352 26480745

Comitato Nazionale Italiano FairPlay
Stadio Olimpico - Tribuna Tevere - Ing. 30
00194 Roma
Tel/Fax 06 36857806
e-mail: fair.play@tiscalinet.it

Panathlon Internazionale
Viale Giovanni Maggio 6 / Villa Porticciolo - 16035 Rapallo (GE)
Tel. 0185 62295-6
Fax 0185 230513
www.panathlon.net
e-mail: info@panathlon.net

Panathlon Internazionale - VIII Distretto
Fair Play:
Via Nicola Pende 23 - 70124 Bari
Tel. +39 080 5021622-43
Fax +39 080 5020542
E-mail: segreteria@conipuglia.it

Contributi economici Contributi economici

  • Scheda di iscrizione
  • Presentazione delle domande
  • Richiedi info
  • Elenco soggetti iscritti
  • Localizzazione soggetti iscritti

BANDI E AVVISI BANDI E AVVISI

  • Bandi e Avvisi aperti
  • Archivio bandi
  • Programma Triennale 2016-2018
  • Programma Triennale 2013-2015

GALLERY GALLERY

  • PugliaSportiva Photogallery
  • Video news

Calendario

dicembre 2017
L M M G V S D
27 28 29 30 1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
  Oggi
  Evento